Facciamo Seo con WordPress

28 Gennaio 2019 di

Quando si parla di seo si pensa immediatamente a quale parola chiave poter inserire per essere indicizzati al meglio su Google.Nulla di più sbagliato.

Sono convinto che per raggiungere le posizioni desiderate sulla SERP, ovvero la pagina dei risultati del motore di ricerca, bisogna inizialmente creare una struttura html ottimizzata meticolosamente altrimenti ogni tentativo successivo di indicizzazione sarà praticamente inutile.

In questo tutorial spiegherò come realizzare a livello base una struttura html performante per la seo.

Partiamo dal title tag, ovvero il codice html che serve a specificare nei dettagli il titolo di una determinata pagina.Nel caso di WordPress si trova all’interno di header.php del nostro tema, più precisamente tra i tag <head></head> all’interno dei selettori <title></title>

Cercate di utilizzare un titolo il più affine possibile alla vostra attività.

Subito dopo i tag title subentrano i metadata.

Questi hanno un valore di enorme importanza, dal momento in cui permettono di definire il charset, che a sua volta permette la codifica di caratteri come le lettere accentate, le description inveceforniscono un riassunto dei contenuti per ogni pagina.

Per finire un’accenno alle già citate a inizio articolo parole chiave, le keywords, ovvero gli intenti di ricerca da parte dell’utente.Suggerisco di inserirle nel testo all’interno del tag h1.

Il metadata viewport servirà albrowser per adattare la struttura automaticamente alle dimensioni del suo dispositivo.

Nella struttura html, inoltre non dovrà mai mancare il titolo e sottotitolo, rispettivamente tra i tag h1 e h2, ricordate di inserirli solo una volta sulla vostra pagina.

Le ripetizioni, infatti a Google non piacciono molto, è consigliabile utilizzare le intestazioni da h1 a h2 una sola volta nella struttura.Questo purtroppo per vari motivi non sempre è possibile, facciamo finta di avere a che fare con una pagina piena di intestazioni.In questo caso ci viene incontro il tag hgroup che permette di strutturare veri e propri raggruppamenti senza andare ad intaccare la seo.

I permalink, ovvero gli indirizzi che servono a indirizzare il nostro utente all’interno di una pagina specifica del nostro sito,

devono essere strutturati in maniera semplice senza contenere troppe sottocategorie, una struttura così ad esempio potrebbe andare bene

www.nomesito.it/blog/nome-articolo

una cosi invece è deleteria per i motori di ricerca, cercate di evitarla

www.nomesito.it/2018/11/blog/?page_id=1321

Andare a definirli è semplicissimo, basta spostarsi all’interno del back-end del nostro sito, individuare la voce impostazioni e successivamente cliccare su permalink

Oltre a queste tecniche base, una caratteristica fondamentale per avere un sito performante non solo in termini di seo è la velocità.E’ stato constatato che molti utenti abbandonano la pagina se questa ha un tempo di caricamento intorno ai 3 secondi o superiore.Ci sono diverse tecniche che permettono di superare l’ostacolo.Una di queste è cercare di ottimizzare le immagini presenti rendendole leggere attraverso strumenti di minificazione presenti online, oppure compilatori installabili sul proprio dispositivo come Grunt.

La sitemap è l’ultima cosa di cui voglio parlare.

Rappresenta l’alberatura gerarchica del nostro sito web, scansionare la struttura da parte dei crawler è un’operazione che delle volte può richiedere tempo, con la sitemap questo problema è facilmente risolvibile.

Una cosa che a me piace molto fare, è mostrarla all’interno della pagina di errore 404 in modo che l’utente sappia già in quale altra sezione poter navigare senza sentirsi spaesato, andandone a migliorare l’esperienza utente.

Bene, queste sono solo tra i tanti suggerimenti da tenere in considerazione per realizzare una struttura appetibile dai motori di ricerca.

In nostro aiuto possono venirci incontro plugin per wordpress come yoast seo, che ha notevoli caratteristiche come suggerirci quante parole utilizzare per un determinato articolo, oppure può creare automaticamente sitemap anziché doverle realizzare manualmente.


Il mio suggerimento è sempre quello di sporcarsi le mani, provare e provare finchè non si raggiungono i risultati sperati. Buon lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti piacciono i miei articoli?

Iscriviti alla mia newsletter.

Riceverai tutorial e consigli su come gestire un sito wordpress in totale autonomia!

* indicates required
Se sei un privato o un’azienda, hai un progetto in mente e vorresti collaborare con me, non esitare a contattarmi al form accanto oppure a questo indirizzo! info@fabriziomercurio.it